Tutti possono diventare Babbo Natale: basta riconoscere la magia dell’infanzia e averne cura!

A Natale le magie accadano davvero e a volte trasformano la vita per sempre.
E' ciò che accade a Roberto, il protagonista della nostra storia, uno strano ragazzo solitario che non si fida di nessuno, che odia il mondo intero e che si troverà a dover superare una prova che rivoluzionerà la sua vita e lo cambierà per sempre, proprio il giorno di Natale!
Roberto odia tutto e tutti, non gli piace niente e non si fida di nessuno. Il Natale è il periodo che odia di più: regali, luci, famiglie che si riuniscono…tutto falso secondo il suo personalissimo e scontroso punto di vista. In questo periodo, però, Roberto è anche senza lavoro e sceglie di “andare a fare il Babbo Natale” al centro commerciale della città per tirare su qualche euro. “Visto che il Natale non si può eliminare almeno ci si può guadagnare!
Inaspettatamente, in mezzo a tutti i bambini che gli si attaccano alla barba e gli salgono in braccio, Roberto incontra una bambina che in questa confusione lo guarda in silenzio, con grandi occhi pieni di luce e curiosità.
Il tempo scorre veloce e arriva la fine della giornata. I negozi stanno chiudendo, le famiglie ed i bambini se ne sono andati via tutti, tranne la bambina che segue il suo Babbo Natale come un'ombra. Roberto vorrebbe andarsene a casa il prima possibile, così si affretta a cercare i genitori della piccola, ma questi non si trovano. Probabilmente lei non li ha e neanche sembra capire quello che lui le dice…ripete solo parole che riguardano il Natale. Roberto non si rassegna e, proprio mentre li sta cercando dentro ad un negozio, il centro chiude.
Il nostro protagonista sarà costretto a passare la sua Vigilia di Natale con la bambina proprio all'interno del centro commerciale. Questa notte si trasformerà da un incubo annunciato a una notte magica per entrambi e Roberto diventerà un vero Babbo, non “di Natale”, un Babbo a Natale!

Uno spettacolo adatto a tutta la famiglia, una commedia divertente e romantica che parla dello spirito del Natale in maniera realistica e appassionante. Una narrazione realizzata attraverso il teatro d’attore e di figura, in cui la scenografia diventa storia e in cui potranno riconoscerci sia gli adulti che i bambini.

Con: Enrico Marconi e Valentina Grigò
Drammaturgia: Aniello Nigro, Simone Guerro
Regia: Simone Guerro
Scenografia: Ilaria Sebastianelli - Chiara Gagliardini
Luci e fonica: Marco Chiavetti


Note Tecniche:

Fascia d’età: 3-10 anni
Tecnica utilizzata: Teatro d’attore e Teatro di Figura
Necessita di BUIO
La Compagnia è autonoma per luci e fonica.
Durata: 60 minuti